Home | E-bike | News E-bike | Fantic 2019 tra carbonio e integrazione

Fantic 2019 tra carbonio e integrazione

La casa trevigiana Fantic, leader nazionale nel settore e-bike, ha presentato a Eurobike Media Days le novità della prossima stagione, tutte con batteria integrata nel trave obliquo del telaio. Ecco la XF1 Integra Carbon, la XF2 Integra, la Fat Integra, la stradale Passo Giau e una inedita “e-urban” ancora senza nome.


Per il suo 50° compleanno, Fantic bikes si regala nuovi progetti e nuove accattivanti bici elettriche. La full suspended da enduro XF1 Integra Carbon, con triangolo principale in carbonio e carro posteriore in alluminio, va ad affiancare la sorella con telaio in alluminio, che rimane sempre in catalogo. Due versioni, da 160 e 180 mm, e una inedita “racing” da 160 mm allestita con cerchi Alchemist e freni Hope Tech 3 a quattro pistoni.

L’unità motrice è sempre Brose, e per il 2019 arriverà probabilmente la nuova release del motore tedesco con carter in magnesio, più leggera di mezzo kg (2.9 contro 3.4 kg). Il resto della componentistica segue quanto già visto in questa stagione, con possibilità di montare ruote posteriori da 27.5”+ oppure da 29”.


Totalmente rifatta la front suspended XF2, che esce dal listino Fantic a favore della nuova XF2 Integra. Come per la XF1, anche qui la batteria è integrata nel trave obliquo e il motore è Brose. Nata per il Trail biking, ha telaio in lega di alluminio e può ospitare ruote posteriori da 27.5” oppure da 29”. All’insegna dell’integrazione anche il passaggio cavi interno al telaio.




Altro remake importante quello della fat bike Fantic, che sostituisce la Fat Sport con la nuova Fat Integra. Il telaio in lega di alluminio ospita la batteria nel trave obliquo, il passaggio cavi è integrato. Rimane il motore Brose e le ruote da 26”x4.00”, così come il resto della componentistica già presente sul modello precedente.




Già presente nel catalogo e-road Fantic, la specialissima stradale Passo Giau, con telaio in carbonio, si veste per il 2019 con una nuova componentistica tutta firmata FSA. Il gruppo trasmissione è l’esoterico elettronico wireless FSA K-Force 2×11. Gli unici cavi presenti sono quelli delle tubazioni dei freni idraulici, anch’essi FSA. Batteria e motore sono Fazua, le ruote sono le Vision Metron 55 Disc con mozzi aventi asse passante 12×100 anteriore e 12×142 posteriore. Il manubrio è l’aerodinamico Vision Metron monoscocca in carbonio, con stem integrato.






Non ha invece ancora un nome definitivo questa nuova bicicletta Fantic e-urban, con telaio in alluminio idroformato, forcella in carbonio, ruote da 29”, parafanghi e portapacchi, copricarter e computer di bordo. Il motore è Brose, la batteria è integrata. Di serie è previsto il lucchetto Abus uGrip Bordo.


– Sito web Fantic bikes


Articolo a cura di Roberto Chiappa

Foto: © Tech-Cycling (Sergio Doria)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*