Home | Turismo | News turismo | La scintilla di Garda Trentino Emtb Adventure

La scintilla di Garda Trentino Emtb Adventure

Spettacolare prima edizione di Emtb Adventure, dal 29 settembre al 2 ottobre. Sei itinerari nell’entroterra dell’Alto Garda, mtb elettriche, italiani e tedeschi, salite e discese, ulivi e vigneti, castagneti e boschi in altura, pranzi e merende, prelibatezze eno-gastronomiche locali. Meraviglioso. Si replica nel 2018, più in grande.


Il lembo di terra più settentrionale del Lago di Garda non è paragonabile ad alcun altro per tipicità dei luoghi. Geograficamente appartenente al Trentino, è guarnigione turistica tedesca da decenni. Qui il clima è sempre piuttosto benevolo, grazie all’influsso termico del lago. Un paradiso per gli sport outdoor, non solo lacustri. E’ anche il regno delle biciclette, di qualunque tipo, con 1.700 km di sentieri a disposizione e più di 2.000 cartelli segnaletici per orientarsi. In questo Eden, l’Azienda di Promozione Turistica Garda Trentino ha organizzato a Torbole dal 29 settembre al 2 ottobre la prima edizione della Emtb Adventure.

Di evidente matrice cicloturistica, questa manifestazione è stata improntata verso la scoperta del territorio, tra itinerari che hanno condotto i partecipanti attraverso luoghi, storie, colori, profumi e sapori tipici. Con il valore aggiunto di pedalare in sella a una bici elettrica, messa gratuitamente a disposizione dall’organizzazione che ha richiamato sulle sponde del lago gli stand di aziende come le tedesche TQ e M1 Sporttechnik, e la nostra Fantic, oltre al locale negozio Garda Bike Shop che ha allestito numerose Cannondale, Corratec e Scott. In totale, circa un centinaio le Mtb elettriche a disposizione dei partecipanti.

La formula di Emb Adventure è di quelle giuste. La consulenza di Uli Stanciu, giornalista della rivista tedesca Bike Magazin, padre ideatore del Bike Festival di Riva del Garda nonché della gara a tappe Bike Transalp. La graziosa Piazzetta Lietzmann di Torbole come epicentro per start e finish dei tre tour giornalieri, seguiti dalle guide MTB della zona. Due itinerari al giorno, uno lungo e uno più breve, pranzo e merenda pomeridiana inclusi, mtb elettriche noleggiabili gratuitamente, servizio video-fotografico professionale. Costo giornaliero 60 euro, 170 per il trittico. Qualcuno ha optato per pedalare due sole giornate, altri una, tanti tutte e tre. Tra gli “elettrocicloturisti” anche le maestranze dell’APT Garda Trentino, che evidentemente non si limitano a pianificare le proprie manifestazioni ma amano viverle in prima persona.

Venerdi 29 settembre la presentazione della Emtb Adventure, con discorso introduttivo da parte delle autorità e aperitivo conclusivo. Sabato 30 la pedalata al Rifugio San Pietro, situato a 974 mslm, cui hanno preso parte circa 80 cicloturisti, in maggioranza tedeschi. Bellissimo il passaggio da ulivi e vigneti delle zone pianeggianti a faggi e castagni dei fitti boschi del Monte Calino. Pranzo d’alta montagna presso il rifugio, poi al termine della giornata una merenda, che in realtà era una vera e propria cena per quantità e qualità, nel Palazzo Marchetti Caffè Conti, ad Arco.

Domenica 1 ottobre la pioggia mattutina e l’aria decisamente fredda non hanno impedito a più di 60 partecipanti di pedalare nello scenario delle Marocche, frammenti di roccia post-glaciale franati dal Monte Casale sul versante del lago di Cavedine. Profumi del bosco enfatizzati dall’umidità presente. Castagneti pronti a donare gustosi frutti, come i rinomati i marroni di Drena. Funghi ovunque, molti mangerecci. E a questo proposito, il pranzo presso le Cantine Pisoni ha allietato tutti, in particolare gli amanti del nettare di Bacco, che qui è rinomato e declinato in mille modi. Chiusura con raffinato spuntino presso l’Agriturismo Madonna delle Vittorie, produttore di vini e olio di oliva di altissima qualità.

Lunedi 2 ottobre il cielo azzurro e terso ha accompagnato quasi 60 ciclisti alla volta del Maso Naranch, non prima di avere ammirato lo spettacolare panorama visibile dal Monte Creino. Appagante anche il colpo d’occhio sulla Val di Gresta, con le sue coltivazioni biologiche di ortaggi e le curiose composizioni boschive lungo il Sentiero dei Fortini. Pranzo squisito presso il Maso Naranch, discesa lungo il Trail, giro delle Busatte di Nago e arrivo al Forte Alto per merenda a base di affettati. Quindi il saluto di congedo della manifestazione.


L’ingresso del Forte Alto di Nago e lo chef Marcello Franceschi intento alla preparazione del gelato

E per chi ha voluto proseguire lungo il percorso del gusto, la cena serale al Forte Alto di Nago, curata dallo chef Marcello Franceschi e proposta al prezzo speciale di 45 euro, ha ulteriormente esaltato e coccolato i partecipanti con un sopraffino menu degustazione delle tipicità alimentari locali, ben accompagnate da una invidiabile carta dei vini.

Presente e futuro
Garda Trentino ha centrato subito l’obiettivo al primo colpo. Emtb Adventure si è rivelata una manifestazione in cui il fascino del territorio ha prevalso sulla tecnologia, la voglia di pedalare in gruppo ha superato la competizione agonistica, la gioia (anche quella del cibo e del vino, che scaldano gambe e cuore) ha sconfitto i watt espressi da polpacci e motori elettrici. I tour si sono rivelati molto appaganti e aggreganti per i biker, che hanno potuto scoprire il territorio, gustarne i sapori e provare nuove biciclette elettriche, tipologia di veicoli che consente di faticare meno e divertirsi molto di più. Le soste per il pranzo hanno permesso di ricaricare le batterie delle biciclette, benché per molti non fosse strettamente necessario. All’aspetto puramente tecnico riguardante le e-bike messe a disposizione dedicheremo un articolo specifico.

I tempi di percorrenza previsti per i singoli tour si sono parzialmente dilatati a causa di piccoli imprevisti (soprattutto forature) o difficoltà dei partecipanti nel superare agevolmente alcuni passaggi tecnici, resi più insidiosi dalla pioggia della mattinata di domenica. Nulla di preoccupante se non un piccolo spostamento dell’orario previsto per i pranzi. Ma è un aspetto da considerare per rendere più fluida e omogenea la marcia collettiva delle future edizioni. Quanto al periodo stagionale, è intenzione di Garda Trentino posticipare l’evento di un paio di settimane, per evitare sovrapposizioni con altre manifestazioni concomitanti.


L’area stand nella Piazzetta Lietzmann di Torbole

Quest’anno i partner tecnici che hanno messo a disposizione le Mtb elettriche erano tre. Un ampliamento dell’offerta determinerebbe una proporzionale crescita delle domanda, e quindi dei partecipanti. Lo spazio a disposizione per espandere l’area espositiva ci sarebbe. E si potrebbero considerare non solo le e-MTB ma anche le e-trekking bike, ideali per gli sterrati pianeggianti, e magari le bici da corsa con motore interno, da utilizzarsi ovviamente sui percorsi asfaltati. La manifestazione diventerebbe un autentico “e-bike Festival”.


— FOTOGALLERY —


Roberta Maraschin, direttrice di Garda Trentino SpA, e Uli Stanciu durante la presentazione dell’evento


Pausa per radunare il gruppo durante la pedalata del primo giorno


Sentiero verso il Rifugio S.Pietro


L’impeccabile, esaustiva segnaletica al Rifugio S.Pietro e alcune e-mtb in fase di ricarica


Nuove, gustose energie anche per i biker a pranzo presso il Rifugio S.Pietro


Uli Stanciu, tracciatore dei percorsi, guida il gruppo sulla via del ritorno, il primo giorno


Il buffet pomeridiano del primo giorno, presso Palazzo Marchetti Caffè Conti, ad Arco


Secondo giorno, breve sosta prima della salita vero Pianaura


Castagneti nei pressi di Drena


Scorci nel fondovalle di Cavedine, durante il secondo giorno


L’azienda agricola F.lli Pisoni ha ospitato il pranzo del secondo giorno


Cantina fornitissima. Molti hanno approfittato del servizio di consegna a domicilio


Merenda del secondo giorno presso l’agriturismo Madonna delle Vittorie, a Linfano


In maglia rossa Marco Benedetti, presidente di Garda Trentino SpA, che si è unito alla pedalata del terzo giorno


Verso S.Barbara


La Val di Gresta e l’arrivo in cima al Monte Creino


Il panorama dal Monte Creino


Maso Naranch, meravigliosa location per il pranzo del terzo giorno


Vista lago da Maso Naranch e l’inizio del “Naranch Trail”


Uli Stanciu e Roberta Maraschin salutano e ringraziano i partecipanti durante la merenda al Forte Alto di Nago


– Sito web Garda Trentino – Emtb Adventure


Articolo e foto a cura di Roberto Chiappa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*