Home | Tecnica | News tecnica | Presentata la nuova Colnago C64

Presentata la nuova Colnago C64

Anteprima mondiale, nel giorno dell’86° compleanno del Cav. Ernesto Colnago, per la nuova creatura della Casa brianzola, la C64, profonda evoluzione della C60. Il telaio della C64 è più leggero di circa 200 grammi, lateralmente più rigido, con forme riviste per migliorare guidabilità e comfort.


Presentata ufficialmente oggi in grande stile la nuova Colnago C64, specialissima stradale in carbonio che porta in sé alcuni concetti base dell’apprezzatissima C60, migliorandone però molti aspetti. La sigla numerica indica gli anni di carriera di Ernesto Colnago nel settore ciclo. Lui, che oggi compie 86 anni. Lui grande innovatore, precursore del futuro con intuizioni e creazioni in seguito adottate da altri come standard. La forcella a steli diritti, il carbonio per le bici da corsa, i freni a disco… tutte idee realizzate per primo da Ernesto Colnago.

E la più recente creatura firmata Colnago, questa C64, non si sottrare agli schemi creativi tipici della prestigiosa azienda brianzola, sempre alla ricerca di migliorie tali da aumentare performance e piacere nella guida. Per tutti gli approfondimenti tecnici vi rimandiamo alla dettagliatissima pagina web ufficiale della Colnago C64. Qui ci limitiamo a segnalare che il telaio C64 pesa 200 grammi in meno del predecessore C60 (la versione per freni a disco ne pesa addirittura 270 in meno), è molto più rigido lateralmente e torsionalmente.

Nuovissimo il tubo reggisella, con morsetto integrato e vite di serraggio collocata sotto al tubo orizzontale. Completamente ridisegnata la forcella, che pesa 45 grammi in meno della C60 e presenta una nervatura esterna che ne aumenta la rigidità laterale e il comfort. La parte superiore della serie sterzo è realizzata con uno speciale polimero in grado di smorzare le vibrazioni provenienti dall’asfalto.

Il movimento centrale è il collaudato TF 82.5 con calotte filettate e cuscinetti Ceramic Speed. I forcellini del carro posteriore sono in carbonio, integrati nei foderi orizzontali. Predisposto per accogliere pneumatici fino a 28 mm di sezione, il C64 è prodotto in 9 misure sloping e 5 classiche (high), in 7 colorazioni differenti, sia per freni caliper di tipo “direct mount” sia per freni a disco.

Numerose le celebrità presenti in sala. Star indiscussa, Fabio Aru, che ha in dotazione la C64 da inizio anno, assieme ai suoi compagni del Team UAE Emirates. Inevitabili le lodi nei confronti del suo nuovo destriero.

Ernesto Colnago ha poi voluto omaggiare Giorgio Squinzi con una C64 appositamente realizzata con una splendida livrea Mapei. Commozione, baci e abbracci. E in effetti il risultato sembra esteticamente apprezzabile.


– Sito web Colnago


Articolo, foto e video a cura di Roberto Chiappa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*